Presentazione dello spazio "Rubriche d'inchiesta"

E-mail Print PDF

Una rubrica settimanale di UniCommon con testi di approfondimento e analisi sui temi delle trasformazioni globali dell'università, sulle questioni della ricerca (precarietà, tagli, innovazione scientifica). Uno spazio di inchiesta collettivo per costruire un punto di vista altro dentro l'università della crisi, per rendere concreto e forte il progetto di autoriforma.

Una rubrica curata da diversi ricercatori, dottorandi, in diverse parti del mondo, attraverso la quale cominciare a costruire un'inchiesta diffusa che apra nuovi spazi per il conflitto, per la produzione comune, per la critica delle discipline.

Una scommessa di UniCommon.org, per diventare un portale capace di costruire discorso, aprire dibattiti, ospitare punti di vista differenti e comporre sensibilità, progetti di ricerca e immaginazione. Affrontare a tutto tondo i temi dell'energia, della ricerca scientifica, delle trasformazioni europee e globali delle università.

Uno spazio aperto di collaborazione e costruzione comune e collettiva di discorso, critica,ricerca autonoma.

per contribuire scrivere a: This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it

 

Last Updated ( Wednesday, 23 March 2011 19:40 )  

Narrazioni

 

Verso il #14N - Per una storia dalla parte sbagliata della Storia

Questo è un gomitolo intricato di fatti. Potete prenderlo e farvene un rosario, un messale, un libercolo di salmi, una cinta di cilicio che morde le vostre gambe. Oppure potete scioglierlo e farne un filo che vi unisce, potete filare le maglie del vostro futuro e camminare insieme per costruirlo. Lunghe crepe intaccano il muro ormai logoro che difende questo sistema ingiusto. Meticolosamente, come rivoli che scavano un passaggio anche angusto, le stiamo percorrendo e allargando, come piena inarginabile inonderemo le sfortune del nostro tempo.

Libri

 

Ahora es cuando - Crisi economica, soggettività e cooperazione produttiva. Il caso argentino

«Tutto ciò che diventa è oggetto di scrittura, pittura o musica» afferma Deleuze; immaginiamoci dunque la difficoltà di fissare scrivendo ciò che si muove. Questo libro vorrebbe riuscire, parzialmente, ad accennare alla centralità del “processo” storico contro l’enfasi dell’evento. L’Argentina è un laboratorio molto ricco e sotto alcuni aspetti inedito per questo tentativo. La ciclicità delle crisi economiche e politiche che caratterizza l’ultimo secolo ci offre la possibilità di leggere continuità e rotture che si inscrivono nella sempre nuova produzione di soggettività, quale «movimento costituente che mai cessa di rilanciarsi».