Roma - Scienze Politiche Laboratorio di autoformazione: "Strumenti per leggere la crisi"

E-mail Print PDF

Cos'è autoformazione? Una parola, un concetto e molto di più. Qualcosa che abbiamo vissuto nei nostri corpi e nelle nostre menti, attraversato nelle nostre aule e nei nostri spazi. Nel deserto dell'università riformata, definanziata, dequalificata, l'autoformazione è stata ed è direttamente pratica di organizzazione, in grado di aprire spazi di conflitto all’interno e contro il modello di università-azienda, di rompere lo sfruttamento che è parte integrante delle nostre vite frenetiche e precarie.

Autoformazione è riprendere in mano la gestione del proprio tempo di vita, contro le logiche di produttività e profitto che governano e speculano sul mondo dell’istruzione e del lavoro.

Oggi le nuove forme di sfruttamento e gli attacchi ai diritti e alle conquiste sociali cambiano di nome e di volto giorno dopo giorno. Si chiamino Sacconi, Gelmini, Marchionne, Fornero,

Profumo, mostrano la volontà di imporre un modello di vita che fa della precarietà un paradigma sociale ed esistenziale, in cui il ricatto economico è divenuto il principale regolatore.

Sicuramente il tempo che viviamo richiede la conquista di un nuovo spazio democratico e degli strumenti differenti per indagare fino in fondo la crisi che stiamo vivendo. Una crisi destinata a durare, a diventare norma, imposta a colpi di austerity nel contesto di un capitalismo finanziario che cresce con la crisi stessa, in cui la finanza pubblica diventa un orpello della speculazione, cosa che  al contempo mette in crisi il capitalismo stesso.

Abbiamo vissuto lo scoppio della bolla dei mutui subprime, che dagli USA  ha poi contagiato tutto il mondo, con le banche “volenterose carnefici della crisi” che hanno venduto e ricomprato ogni genere di titoli più o meno tossici, fino alla morsa dei debiti sovrani che stritolano gli stati. Adesso in Europa  la dittatura dello spread la fa da padrona mentre il mondo è governato dalle “sentenze” della agenzie di rating.

La finanza in questi anni è cresciuta a livelli esponenziali, ma dopo il crack del 2008 continua ad ingoiare se stessa e a stritolare l’economia reale nel nome del Dio mercato, sempre più feroce e insaziabile, a cui si sono prostrati i governi degli stati: una “mano” più che visibile!

In Italia la soluzione, per Monti e per questo governo, è la macelleria sociale, le lacrime (vere per noi, finte per loro) e il sangue; colpire e speculare sui quattro settori che negli anni hanno finora prodotto di più: sanità, socialità, cultura e formazione. Noi non ci stiamo!

Ripartiamo da questo seminario di autoformazione, che è innanzitutto un laboratorio di discussione, analisi e messa in comune di sapere critico, materiali ed esperienze per per dotarci degli strumenti per cercare di leggere e capire questa crisi economica e finanziaria, a partire dallo scardinamento di alcuni luoghi comuni (ad esempio la spesa pubblica che, superando le entrate fiscali, ha portato il bilancio fuori controllo) e tornando a riprendere e a vivificare concetti ancora attuali, ad esempio che tra capitale e forza-lavoro non c’è, e non può esistere, rapporto organico o mediazione possibile.

 

“Tra i grandi creatori ci sono sempre stati gli inesorabili che per prima cosa facevano piazza pulita. Volevano avere un tavolo da disegno e sono stati costruttori.”

-W. Benjamin-

 

APPUNTAMENTI

 

GIOVEDI' 22 marzo ore 16:00

Presentazione del laboratorio di autoformazione “Strumenti per Leggere la Crisi”, discussione a partire dall’elaborato su: debito, default redatti dal Laboratorio di economia tenutosi nel primo semestre.

ore 18:00 Visione del film “The Inside Job” di Charles Ferguson.

Bibliografia consigliata:

- Vincenzo Comito, “Dizionario della crisi” Sbilanciamoci 14\01\2012

- Marco Panara, Capire la crisi, I Quaderni di Affari e Finanza, Repubblica

- Andrea Baranes, “Breve Storia della Crisi”, Sbilanciamoci 02\03\2012

Articoli utili:

-Federico Rampini, La Teoria Monetaria Moderna ci salverà dalla Grande Contrazione?

-Guido Viale,”Come guidare il default italiano”

-Gea Scancarello, Grecia, era meglio il default. Gli economisti spiegano perché il risanamento è impossibile

-Paul Krugman,” L'islanda: la strada che non intraprendiamo”

-Manuel Castells,” La soluzione islandese”

-Guido Viale, “La chimera di una crescita che non ci sarà, mentre i liberisti rifilano ricette senza idee”-il manifesto,17 agosto 2011

-Federico Rampini, La Rivoluzione che viene dagli Usa. la Repubblica, 21 febbraio 2012

- Eugenio Orso, Ritorno al passato: Modern Money Theory e l’ombra di Keynes”

 

MARTEDI' 3 aprile "Crisi e Capitalismo contemporaneo" ore 15:00

Una discussione con Andrea Baranes sulle cause della crisi. Un incontro per comprendere come vengono lette in modo diverso le stesse cause della crisi economica da differenti scuole di pensiero.

Bibliografia consigliata:

- François Chesnais, Debiti Illegittimi e Diritto all’Insolvenza, DeriveApprodi, Roma 2011.

- Luciano Gallino, Finanzcapitalismo, Einaudi, Torino 2011.

- John Galbraith, L'Economia della Truffa, Rizzoli 2004.

Articoli utili:

- Federico Rampini, “E se la Risposta alla fosse stampare più soldi?” Repubblica, 21\02\2012

- Marco Panara, "Investimenti bassi, Roe ai massimi l'imprenditore sogna la rendita" Repubblica, Affari e Finanza

- Barbara Spinelli, "La scacchiera di Adam Smith", Repubblica

-Intervista a Nouriel Roubini, "L' Italia un caso di scuola l' intransigenza tedesca può vanificare i suoi sforzi", Repubblica

GIOVEDI' 12 aprile ore 15:00

Discussione libera e laboratorio di autoformazione: un momento per studiare e riflettere insieme, in vista delle altre giornate del seminario.

Visione del film “To big to Fail” di Anrew Ross Sorkin.

Evento facebook

 

GIOVEDI'19 aprile "Marx al tempo della crisi" ore15:00

Una discussione con Augusto Illuminati su pensiero di Marx per capire se questo autore può essere ancora utile per comprendere la crisi attuale.

Bibliografia consigliata:

- Etienne Balibar, La Filosofia di Marx, Manifesto Libri, Roma 2005

- Corso di Paolo Virno: Natura umana e storia nel materialismo di Karl Marx", tenuto alla Unical nella primavera del 2008

- Corso di formazione: “Produzione, capitale e crisi in Marx”

- Corso di autoformazione: “Da Marx all’operaismo: storia, concetti, problemi”

 

GIOVEDI' 26 aprile "La fabbrica del debito" ore 15:00

Una discussione con Maurizio Lazzarato a partire dal suo libro “La fabbrica dell’uomo indebitato” sulla funzione del debito privato e statale nell’economia internazionale.

Bibliografia consigliata:

- Maurizio Lazzarato, La Fabbrica dell’Uomo Indebitato, DeriveApprodi, Roma 2012

- Christian Marazzi, Il Comunismo del Capitale, Ombre Corte, Verona 2010

Articoli utili:

- Guido Viale, “Nel pozzo del nostro debito”, Il Manifesto 13\09\2011

-  Guido Viale,“Verso il default, questione di tempo”, Il Manifesto 21\08\2011

- Christian Marazzi, “I benefici del deficit e del debito”, Uninomade 23\02\2012

- Jean Paul Fitoussi, “Di sovrano in Europa c' è solo il debito”, La Repubblica 20\02\2012

- Etienne Balibar “Una sovranità chiamata debito”, Il Manifesto 29\11\2012

- Christian Marazzi, “Un orizzonte sovranazionale per rompere la trappola del debito”, Il Manifesto 16\12\2011

- Christian Marazzi, Stato del debito etica della colpa, Il Manifesto 3\12\2011

 

GIOVEDì 29 Mmggio ore 15:00

Ultimo appuntamento. Come uscire dalla crisi? Differenti posizioni a confronto.

 

Bibliografia consigliata:

- Serge Latouche, Come sopravvivere allo sviluppo, Bollati Boringhieri, Torino 2005

- Giuseppe Bronzini, Il Reddito di Cittadinanza. Una proposta per l’Italia e per l’Europa, EGA – Edizioni Gruppo Abele, Torino 2011

Articoli consigliati:

- Andrea Fumagalli, “Le trasformazioni del sistema capitalistico e le nuove contraddizioni sociali”

- Andrea Fumagalli, “Il diritto al default come contropotere finanziario”, Sbilanciamoci 31\08\2011

- Intervista a Marazzi: “Italia rischia sindrome greca, Germania tornerà al marco”, Wall Street Italia 23\01\2012

- Riccardo Bellofiore e Jan Toporowski, “Come evitare il suicidio dell'Europa”, Il Manifesto 1\11\2011

- Guido Viale, “Un audit sul debito”, Il Manifesto 29\11\2011

- Guido Viale, “I sei pilastri della conversione”, Il Manifesto 6\02\2012

-P. Krugman, "E' finita la favola della fiducia", la Repubblica 28\04\12

-MARCO BERTORELLO e DANILO CORRADI, "Quale progetto persegue il capitalismo contemporaneo?" 7\04\12

-Intervista a N. Roubini: "L'Italia un caso di scuola, l'intransigenza tedesca può vanificare i suoi sforzi" , la Repubblica 2\04\12

 

-B.Spinelli, "I cardinali dell'economia e il cannocchiale di Galileo", la Repubblica 3\05\12

 

 

Materiale in continuo aggiornamento.Stay tuned...

E' prevista l'assegnazione di 3 Cfu

Evento facebook

Gruppo facebook per scambiarsi articoli e materiali utili al seminario

Last Updated ( Sunday, 20 May 2012 14:50 )  

Europa e cittadinanza