Roma - Point Break, tre anni di occupazione e autogestione!

E-mail Print PDF

"Vi invitiamo ai festeggiamenti del 7 luglio prossimo, al Cortocircuito, dalle 20 in poi, per cenare tutti insieme, e contribuire così alla ricostruzione del cortocircuito, in Via Filippo Serafini 57, Cinecittà". L'8 luglio 2009 un centinaio tra Studenti e Precari protagonisti del movimento dell'Onda nelle Università, fecero una scommessa su una palazzina di via Fortebraccio 30, di cui perfino i vicini ricordano a stento l'ultimo abitante: 50 € possono bastare! Una campagna contro gli affitti insostenibili, spesso non regolari per immobili fatiscenti. Alla politica di gestione dei servizi alloggiativi dell'Adisu sia e ai provvedimenti Regionali circa il diritto allo studio, abbiamo risposto in modo costruttivo, contro le politiche della stessa Università La Sapienza a favore dell’autodeterminazione anche di chi è costretto alla sopravvivenza.

Nell'università riformata dal ddl gelmini è impossibile trovare, per uno studente regolarmente iscritto, nessun servizio biblioteca, sala studio, aule sufficientemente grandi, laboratori,mense, nessuna forma di sostegno materiale al percorso formativo, nonostante tutto ciò le tasse aumentano e gli iscritti diminuiscono (il 30% in meno nel 2011 solo a Roma).



Siamo cervelli che non intendono fuggire, vogliamo decidere noi sul nostro futuro, giriamo il mondo e se fuggiamo da qualcosa sono gli affitti esosi che arricchiscono le rendite immobiliari: PAGARE 600€ AL MESE PER UN POSTO LETTO rende le nostre vite schiave di lavori sottopagati e ci costringe ad accumulare anni di fuori corso per pagare l’affitto di una stanza!

Siamo giovani stanchi delle retoriche che ci individuano come bamboccioni e nullafacenti. Nel corso di questi 3 anni ci siamo reinventati muratori, pittori, idraulici e giardinieri, abbiamo portato avanti un progetto di autorecupero dello stabile, abbandonato al degrado da circa 20 anni; ne abbiamo fatto uno STUDENTATO AUTOGESTITO dove vivono circa 20 studenti e precari, aprendo uno spazio pubblico di iniziativa che altri studenti e precari hanno saputo sfruttare, continuando ad avviare progetti di occupazione e auto recupero di case a Roma e in tutta Italia, dalla ex Schipa a Napoli, al Lambretta a Milano!

Point Break vuole essere anche una risposta all'amministrazione di Alemanno e al suo modus operandi governato da centinaia di razzisti che attraverso odiosi sgomberi di campi rom e a fronte di 250mila appartamenti sfitti ha garantito il record per Roma, è infatti la città con il maggior numero di SFRATTI PER MOROSITA'!

Rispediamo al mittente le lettere di BCE e EQUITALIA, chiediamo l'immediato sospensione di tutti gli sfratti per morosità incolpevole, perché la crisi morde, e l’arroganza dei poteri forti costringe precari, famiglie, studenti, migranti, in mezzo alla strada.

Festeggiamo con Voi 3 anni di SPORTELLO DI ASSISTENZA E CONSIGLIO LEGALE GRATUITO progetto nato fin dal 2009 e maturato nell'Aps CREW e l'attività svolta presso il VI Municipio di Roma Capitale, un modo per POINT BREAK di rendere immediatamente un servizio al quartiere e alla cittadinanza tutta.

Al fianco del Lambretta sotto sgombero.

Point Break - Studentato Occupato Autogestito

 

Last Updated ( Tuesday, 17 July 2012 17:38 )