Rubrica settimanali di inchiesta su università globale, merito e precarietà della ricerca

Studiare oggi: considerazioni sul debito studentesco

Studiare oggi: considerazioni sul debito studentesco

Finanziarizzazione del proprio percorso formativo e piani di rientro; tassi agevolati, variabili o fissi; interessi, rate mensili, garanzie e rischio default... questi termini saranno sempre più di uso comune tra gli studenti italiani che dovranno imparare a muoversi nella giungla dell`indebitamento per poter studiare. Parola di Andrea Ichino. E` infatti questo illuminato riformista italiano che, sulle pagine del Sole24 Ore del 27 Maggio, ha proposto per l`università italiana la liberalizzazione delle tasse e dell`accesso al debito (ora vincolato al nome dell`ateneo e alla disciplina studiata) come strumento a garanzia di un'educazione di qualità.

Si, perché non sono bastati i tagli all`università che hanno dimezzato i corsi universitari e precarizzato il corpo docenti, fatto chiudere in anticipo le biblioteche e le sale lettura dove studiamo; insomma, fatto dell`università una istituzione davvero virtuosa. Ora, ci dicono, tutto questo lo pagheremo di più. Eppure, secondo l`economista dell`università di Bologna, non occorre preoccuparsi, anzi. L`accesso alla higher education in Italia, una volta che le tasse saranno duplicate o triplicate, sarà decisamente più facile sopratutto per gli studenti poveri. Questi ultimi, infatti, inizieranno a pagare la propria laurea quando entreranno nel mercato del lavoro (forse). E` allora, e non prima, che cominceranno a ripagare il debito che hanno contratto per poter studiare.

Last Updated ( Tuesday, 14 June 2011 20:20 )

Read more...
 

La rivoluzione? non é altro che all`inizio...

La rivoluzione? non é altro che all`inizio...

Bisogna essere moderni: queste sono le parole usate dal ministro dell'educazione Algerino quando, nel 2008, ha introdotto una pesante riforma del sistema scolastico adottando il cosiddetto LMD (licence-master-doctorat) perché questo paese si aprisse all`Europa e, perché no, alle sue multinazionali. Ed é proprio contro l`applicazione di questa rifor...

Last Updated ( Monday, 02 May 2011 13:38 )

Read more...

L`anomalia della misura

L`anomalia della misura

Un paio di mesi fa la nota rivista londinese Time Higher Education ha pubblicato la classifica delle università a livello globale per il 2011. Come ogni anno annuncia la lista delle migliori università, ma questa volta sono emerse due importanti differenze rispetto al passato. Anzitutto i dati con cui si sono costruiti i ranking sono stati forniti ...

Last Updated ( Wednesday, 27 April 2011 13:37 )

Read more...

Imparare a mentire - note sul mercato della formazione

Imparare a mentire - note sul mercato della formazione

Vuoi lavorare? Impara a mentire. Nel mercato del lavoro italiano per trovare lavoro occorre saper mentire per nascondere il proprio titolo formativo se si é laureati. Questo perché chi assume sembra avere paura di una forza lavoro istruita, con aspettative elevate e reticente a fare lavori non pagati piu` di cinque o sei euro l`ora. E` difficile ge...

Last Updated ( Wednesday, 23 March 2011 21:15 )

Read more...

Presentazione dello spazio "Rubriche d'inchiesta"

Una rubrica settimanale di UniCommon con testi di approfondimento e analisi sui temi delle trasformazioni globali dell'università, sulle questioni della ricerca (precarietà, tagli, innovazione scientifica). Uno spazio di inchiesta collettivo per costruire un punto di vista altro dentro l'università della crisi, per rendere concreto e forte il proge...

Last Updated ( Wednesday, 23 March 2011 19:40 )

Narrazioni

 

Verso il #14N - Per una storia dalla parte sbagliata della Storia

Questo è un gomitolo intricato di fatti. Potete prenderlo e farvene un rosario, un messale, un libercolo di salmi, una cinta di cilicio che morde le vostre gambe. Oppure potete scioglierlo e farne un filo che vi unisce, potete filare le maglie del vostro futuro e camminare insieme per costruirlo. Lunghe crepe intaccano il muro ormai logoro che difende questo sistema ingiusto. Meticolosamente, come rivoli che scavano un passaggio anche angusto, le stiamo percorrendo e allargando, come piena inarginabile inonderemo le sfortune del nostro tempo.

Libri

 

Ahora es cuando - Crisi economica, soggettività e cooperazione produttiva. Il caso argentino

«Tutto ciò che diventa è oggetto di scrittura, pittura o musica» afferma Deleuze; immaginiamoci dunque la difficoltà di fissare scrivendo ciò che si muove. Questo libro vorrebbe riuscire, parzialmente, ad accennare alla centralità del “processo” storico contro l’enfasi dell’evento. L’Argentina è un laboratorio molto ricco e sotto alcuni aspetti inedito per questo tentativo. La ciclicità delle crisi economiche e politiche che caratterizza l’ultimo secolo ci offre la possibilità di leggere continuità e rotture che si inscrivono nella sempre nuova produzione di soggettività, quale «movimento costituente che mai cessa di rilanciarsi».